Sistemi di accumulo

RevoluSunSP-XSeriesShot

Non svendere la tua energia

Quando si immette in rete l’energia prodotta in eccedenza, essa viene remunerata dal GSE (Gestore dei Servizi Energetici), con il principio dello scambio sul posto o del ritiro dedicato, a un prezzo molto inferiore rispetto a quello d’acquisto.

Perché svendere l’energia in surplus, quando si può accumulare l’energia elettrica e riutilizzarla quando serve, minimizzando o addirittura eliminando l’acquisto di energia elettrica dalla rete di distribuzione?

FreeSolar dà la possibilità di gestire in autonomia l’energia in esubero per chi ha impianti fotovoltaici, grazie ai sistemi di accumulo (storage) elettrico e termico.

accumulo-elettrico-freesolar-impianti

Accumulo Elettrico

L’accumulo elettrico è una tecnologia che si integra nell’impianto fotovoltaico e conserva l’energia prodotta fino a quando si desidera utilizzarla, sia che sia installato in un immobile residenziale, aziendale o destinato al settore terziario.

FreeSolar progetta e installa sistemi di accumulo elettrico di ultima generazione, garantendo l’ottimizzazione dell’autoconsumo e la massimizzazione dell’indipendenza dalle fluttuazioni del costo dell’energia elettrica. Grazie a partnership consolidate con fornitori di comprovata affidabilità e solidità, FreeSolar propone le migliori soluzioni disponibili sul mercato e l’installazione effettuata da professionisti certificati.

Storage on grid

Per case, aziende
e fornitori di servizi

Durante il giorno, l’impianto produce energia elettrica che va a coprire i consumi, mentre l’energia in eccedenza carica le batterie. Quando le batterie raggiungono la carica completa, l’energia in eccesso viene immessa nella rete pubblica e remunerata secondo la tariffa applicabile.

Quando l’impianto fotovoltaico non produce energia elettrica o ne produce meno del fabbisogno, l’accumulo entra in funzione e alimenta le utenze, riducendo in modo significativo i costi dell’energia elettrica in bolletta.

Storage off grid

Per nautica, camperistica, case-vacanza
e tutte le applicazioni per il tempo libero

L’impianto stand-alone (o a isola) è un sistema di accumulo del tutto autonomo, poiché non è connesso alla rete elettrica.

Durante il giorno, l’impianto fotovoltaico a isola produce energia elettrica per supportarne la necessità, mentre l’energia prodotta in eccedenza carica le batterie, che entrano in funzione di notte o nel momento in cui l’impianto fotovoltaico genera meno energia rispetto al fabbisogno.

accumulo-elettrico-2-freesolar-impianti

Accumulo termico

Gli impianti fotovoltaici hanno un’elevata efficienza, soprattutto nell’ambito residenziale in cui i consumi sono limitati. Ciò comporta un eccesso di energia elettrica, che viene immessa in rete e remunerata dal GSE (Gestore dei Servizi Energetici) con il principio dello scambio sul posto o del ritiro dedicato, a prezzi inferiori rispetto a quelli d’acquisto.

Con l’accumulo termico è possibile riutilizzare quell’energia, producendo acqua calda sanitaria e/o per il riscaldamento utilizzando solamente la produzione elettrica in eccesso prima che venga immessa in rete.

Se l’impianto ha dimensioni adeguate, si può ottenere un accumulo tecnico per il riscaldamento, anche solo come integrazione. Il risparmio che si ottiene sul gas è immediato e di alta redditività.

Esempio:

Consideriamo una famiglia di 3 persone, che consumi 2.700 kWh/anno e utilizzi un fotovoltaico da 3kWp, producendo 3.600 kWh/anno.
È evidente che il sistema produce più di quanto venga consumato, riversando nella rete 1980 kWh/anno ad un tasso poco conveniente.
Questa energia può essere invece immagazzinata per produrre acqua calda sanitaria e per supportare il riscaldamento d’inverno.

Il sistema di accumulo termico costituisce la migliore soluzione per la produzione di acqua calda sanitaria e per supportare la caldaia per il riscaldamento. Il risparmio di gas per la produzione di acqua calda sanitaria è mediamente del 100% rispetto ad una tradizionale caldaia a gas e/o elettrica e raggiunge il 40% per il riscaldamento.